L'allestimento

L'allestimento del Museo Archeologico Nazionale della Lomellina rientra nell'ambito di un ampio ed articolato progetto di restauro e di valorizzazione del Castello Sforzesco di Vigevano, frutto di un Accordo di Programma fra Stato, Regione Lombardia e Comune di Vigevano.

L'obiettivo specifico del Museo era quello di raccogliere in un unico contenitore il patrimonio archeologico della Lomellina, fino alla sua creazione disperso tra piccoli musei locali e magazzini della Soprintendenza, per favorirne la fruizione da parte di un pubblico vasto richiamato anche dal prestigio della sede. Il museo è, infatti, ospitato negli spazi delle terza scuderia e locali limitrofi del Castello.

L'allestimento del Museo è progredito di pari passo con l'avanzare dei lavori di restauro delle strutture del Castello che lo ospita.

Scuderia_2

Questi ultimi, iniziati negli anni Ottanta del secolo scorso, e non ancora completati per il Maschio, si sono concentrati sull'area che sarebbe poi stata destinata al Museo a partire dal 1993/1994. L'inaugurazione della prima sala risale, infatti, al 1998, mentre quella delle altre tre salette a piano terreno al 2006. Infine l'inaugurazione del salone a fianco della scuderia risale al 2018.

L'operazione museografica ha tenuto conto degli elementi architettonici e decorativi e degli spazi che caratterizzano fortemente l'edificio storico, disponendo vetrine e supporti didattici lungo le pareti: il visitatore ha così la possibilità di percepire pienamente sia gli spazi architettonici del monumento sia i suoi contenuti espositivi. Un esempio di questa attenzione è data dalla soluzione di pannelli didattici autoportanti, proprio per non interferire con le strutture murarie della fabbrica storica.

Coordinamento scientifico: dott.ssa Rosanina Invernizzi

Sala 1

Progetto allestimento: Alessandro Colombo, Studio Cerri & Associati, con Francesca Rapisarda 

Grafica: Silvia Demetri, Sara Loreto 

Sala 2 

Progetto allestimento: Andrea Perin

Grafica: Andrea Perin

Sale 3-4

Progetto allestimento: Silvia Demetri

Grafica: Silvia Demetri

Testi  

Maria Grazia Diani, Rosanina invernizzi, Sara Masseroli, Silvia Paltineri, Michela Ruffa, Serena Scansetti

Restauri

AR.CO, Kriterion, Lucia Miazzo, Liliana Morlacchi, Laboratorio di Restauro della Soprintendenza Archeologica della Lombardia

Traduzioni

Valentina Donadel

Disegni

Eva Reguzzoni

Collaboratori

Marie Line Cavallaro, Anna Consonni, Giulia Luoni, Roberta Piacentini, Emanuele Sonzini, Cristina Vaccaneo