Il Logo

Colombina_1Il logo del Museo Archeologico Nazionale della Lomellina rappresenta la stilizzazione di uno degli elementi che più caratterizzano i corredi femminili delle necropoli romane (I-II sec. d.C.) del territorio: il balsamario in vetro a forma di “colombina”.

Le colombine in vetro sono comuni nella Cisalpina occidentale ed erano probabilmente un prodotto delle officine vetraie ticinesi, diffuso poi in tutta l’Italia settentrionale.

Questi raffinati oggetti, destinati a contenere profumi e unguenti, sono realizzati a soffiatura libera, in vetro incolore o colorato (blu, giallo, azzurro…) e configurati, in modo più o meno realistico e con diverse dimensioni, a rappresentare appunto una colomba, animale sacro a Venere.

Una volta riempite, venivano sigillate a caldo: di conseguenza le estremità dovevano essere spezzate per poterne estrarre il contenuto. Questa è la ragione per cui molti degli esemplari giunti fino a noi hanno la coda o la testa frammentarie.